Perché il mattino ha l’oro in bocca – ma anche i cereali vanno benissimo

(photo A.C.)

morning routine

E’ uno di quei hashtag martellanti su tutti i social che ogni donna avrà incrociato almeno una volta, seguendo i profili delle sue beniamine. Ma anche gli uomini non scherzano su questo argomento. Il fatto che sia diventato molto modaiolo avere delle abitudini mattutine (correlate di foto della colazione in tutte le salse e posizioni – vedi sopra), è innegabile. Ma è davvero così in tutte le case?

La risposta mi pare ovvia – no. Però io ne sto sperimentando i benefici e volevo condividerli con te.

la colazione

Fino a poco tempo fa la mia era caffè e sigaretta. O forse due caffè e tre sigarette, in ordine sparso, possibilmente in piedi, possibilmente ad occhi ancora chiusi. Ma se forse non ho mai esplorato l’importanza della colazione da un punto di vista nutrizionale (faccio comunque almeno cinque pasti al giorno, solo che il primo non era mai prima delle 10), mi devo ricredere su ciò che è la routine. Cambia l’inizio di una giornata. Perché ti costringe a tutta una serie di abitudini alle quali non avresti mai pensato: la scelta delle cose che mangerai, la preparazione, il tempo per non ingozzarti come un bambino davanti ad un pacchetto di caramelle con il rischio di trovarti al pronto soccorso per una bacca goji.

La mia scelta è semplice: il barattolo che vedi in foto è un Sass&Belle regalatomi a Natale e il manico mi permette di girare per casa mentre mangio (sì, lo so, si mangia da seduti, ma io al mattino sono irrimediabilmente cinetica) riempito con un po’ di yogurt/latte, frutta (secca e non) e cereali. Se lo faccio con lo yogurt posso prepararlo la sera e al mattino mi basta tirarlo fuori dal frigorifero. Di solito lo accompagno con un caffè o in alternativa una tisana di Melissa Erboristeria o di Pukka.

igiene personale

Lo so che ti lavi ogni mattina. Ma lo fai ogni mattina con lo stesso zelo? Io no. Ci sono giorni in cui è pesante anche guardarsi allo specchio, figuriamoci truccarsi o sistemarsi i capelli. E invece, lo sforzo vale più di ogni altra cosa. Non solo lo stretto necessario, ma proprio prepararsi al dettaglio – come se fosse un giorno importante. Perché lo è, ogni giorno nella tua vita, è importante. Solo che ogni tanto te ne dimentichi.

vestirsi

Se è il tuo giorno libero resti comodo comodo in pigiama? Non sono una fan del vestito a puntino, ma se la giornata si prospetta di quelle pesanti, meglio non rimandare. Pensa al tuo primissimo appuntamento. Sì, quello con lo stomaco stretto stretto, dove ogni parte del tuo corpo sembrava stonare non solo con il resto, ma proprio con il mondo intero. Ogni giorno, dovrebbe esserci la stessa cura. Quella necessità di essere al massimo di sé stessi – per sé stessi. Perché va bene che l’abito non fa il monaco, ma nemmeno il pigiama fa una gran figura. Almeno non con il corriere. O il vicino di casa che vuole lo zucchero.

no agli schermi

Mai pensato di non accendere il cellulare prima di uscire di casa o comunque, non prima di un’ora dopo il risveglio? No, certo che no. Eppure, il cellulare è quell’oggetto che ti farà perdere più tempo al mattino – e guarda la mail, e controlla lo status, e metti il like…e addio venti minuti del tuo tempo (che stavi lamentando di non avere mentre leggevi tutti i punti qui sopra, giusto?). La domanda è se vuoi sacrificarli o meno. Il mondo non noterà la tua assenza dalla rete, se per un attimo la eviterai pensando a te stesso. Magari sfogliando un libro. Scrivendo un appunto. Preparandoti una merenda sfiziosa da portare al lavoro o a lezione. Stando in completo silenzio. Le possibilità sono infinite, e sono tutte tue. Sicuro di volerle sprecare tra uno scroll up e uno scroll down?

uscire di casa in anticipo

Questo è un altro punto che nessuno dà per scontato. Ma è importante, perché ti permette di fronteggiare eventuali imprevisti nel traffico mattutino. Perché ti permette di fare le cose con calma e di non andare in ansia già di prima mattina. E se anche non devi uscire di casa, esci. In anticipo. Non sai mai cosa potresti perderti stando sul divano a contemplare la noia.

 

 

Ora starai pensando che per tutte queste cose ci vuole tempo. No, ci vuole la volontà – tutto il resto, sono scuse.

Ti ho visto. “E se ho il turno di notte?” Trasformala in una routine notturna, io te l’ho detto, le opzioni sono infinite.

Abbi cura di te.

E’ stato un piacere,

Ana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *